Mente e Destino. Allenamento mentale marziale per combattere e vincere

immagini kick e thayFight_Andokides_Louvre_G1Dragon_pillbox

Articolo di: dott. Daniele Trevisani, Maestro e Mental Trainer http://www.danieletrevisani.com

Se vogliamo che la Forza vinca, il nostro destino deve essere pilotato dalla nostra mente. Per cui, la pratica per migliorare se stessi e potenziarsi – mente e corpo – deve essere quotidiana.

Allenare la mente significa averla amica, alleata, e non nemica, non un problema in più da gestire.

Allenare la mente richiede atti di volontà. Ad esempio, fare un ultima ripresa al sacco, o un ultimo kata, quando altri si fermerebbero.

Si tratta di avviare un percorso di allenamento alla coltivazione dell’energia fisica e mentale, con tecniche diverse in ogni stadio della vita.

Da bambini, da ragazzi, da adulti, da anziani. Sino all’ultimo secondo – possiamo sempre imparare qualcosa, e ogni apprendimento è energia.

Il corpo è plastico, reagisce agli stimoli positivi potenziandosi (allenamenti, alimentazioni corrette o sbagliate, pensieri positivi o pensieri negativi).

Anche la mente è plastica, si modifica nella struttura neuronale, nelle idee e credenze che vi circolano, in base a come e quanto la nutriamo (dieta comunicazionale) e a quanto pratichiamo training mentale e altre pratiche per tenerla pulita, libera da virus mentali come apatia, ansia, noia, accettazione della sofferenza inutile, per nutrirla di concentrazione, rilassamento, focalizzazione, desiderio e passione di vita.

Se vogliamo che vinca il Buio, basta lasciarsi andare alla tv spazzatura, vivere da pecora nel gregge e ingoiare la pillola “produci, consuma, muori” e non pensarci più. Questa, lo dirò subito, non è la nostra strada.

 

“I will not allow anyone to walk through my mind with their dirty feet”

Non permetterò agli altri (o non permetterò a nessuno) di attraversare la mia mente con i loro piedi sporchi.

Mahatma Gandhi

 

Cominciare a dire “questo si e questo no” è un ottimo inizio per l’autodeterminazione. Iniziare a porsi domande sui messaggi che ci arrivano: “il mio istinto mi dice che questo personaggio è credibile e che posso fidarmi”?

Ancora migliore è filtrare i messaggi in ingresso come se si trattasse di vero e proprio cibo che può essere “nutriente” o “avvelenato”.

Non lasciamo che sia il destino a decidere di cosa ci nutriremo, decidiamolo noi, con forza.

Chiudere i canali del mondo tossico e far entrare in noi aria pulita

I furti più pericolosi sono quelli che ti vogliono togliere l’energia per vivere. I veleni più pericolosi sono quelli che ti impediscono di usare la mente come un diamante limpido, la vogliono inquinare e portare nella melma anziché lasciarla volare alta, libera e luminosa.

Liberarsi dai “ladri di energia” e dai “veleni mentali” è un dovere fondamentale per chi cerca le performance e la liberazione di sè. Che si tratti di persone che non ti vogliono bene, di pensieri distorti che ti vivono dentro, o di interi sistemi culturali, inizia a chiederti cosa ti toglie energie e quando succede. E’ un passo fondamentale verso l’emancipazione. Poi inizia a chiederti dove ne potrai trovare, e non temere. Fai esperimenti di avvicinamento a queste energie. Di continuo.

La Dieta Comunicazionale misura il grado di “nutrimento comunicazionale“, le idee buone e fresche che entrano e ci fanno bene, i programmi che ci aiutano a pensare, un corso, un film o libro o persona… non importa davvero quale sia la fonte. Ciò che conta è il messaggio che entra.

Nella Dieta Comunicazionale misuriamo anche il tasso di “intossicazione comunicazionale“, i messaggi tossici che cercano di addentrarsi in noi, dalle fonte più varie come film, esempi di vita, comportamenti, dialoghi sentiti per strada o al lavoro, cose viste nei comportamenti da genitori e insegnanti, o trovate su libri e letture.

Chi ti dice che ti devi allenare di più a costo di ammalarti ti sta mentendo, chi si occupa del tuo potenziale personale e cerca di fartici avvicinare non ti sta mentendo. Impara a riconoscere le bugie.

Chi vuole disintossicarsi deve assolutamente chiudere i canali di accesso del “mondo tossico” verso la propria mente e aprire canali puliti. Deve porre una barriera assoluta all’ingresso di ulteriore immondizia mentale e darsi tempo di fare pulizia. E deve assumere “antibiotici mentali” e “antivirali mentali”, da ogni fonte pulita possibile, come libri buoni, corsi selezionati, letture, persone positive che aiutino a crescere.

I migliori guerrieri fanno più male con la mente che con il pugno.

Daniele Trevisani

Dojo: lo spazio della ricerca interiore

dojo ricerca interiore

Dōjō (道場, Dōjō?), comunemente traslitterato come dojo, è un termine giapponese che significa etimologicamente luogo () dove si segue la via (). In origine il termine, ereditato dalla tradizione buddhista cinese, indicava il luogo in cui il Buddha ottenne il risveglio e per estensione i luoghi deputati alla pratica religiosa nei templi buddhisti. Il termine venne poi adottato nel mondo militare e nella pratica del Bujutsu, che durante il periodo Tokugawa fu influenzata dalla tradizione Zen, perciò è a tutt’oggi diffuso nell’ambiente delle arti marziali.

Nel budō è lo spazio in cui si svolge l’allenamento ma è anche simbolo della profondità del rapporto che il praticante instaura con l’arte marziale; tale ultimo aspetto è proprio della cultura buddhista cinese e giapponese, che individua il dojo quale luogo dell’isolamento e della meditazione.

I dojo erano spesso piccoli locali situati nelle vicinanza di un tempio o di un castello, ai margini delle foreste, perché i segreti delle tecniche venissero più facilmente preservati. Con la diffusione delle arti marziali sorsero numerosi dojo che venivano in molti casi considerati da maestri e praticanti una seconda casa; abbelliti con lavori di calligrafia e oggetti artistici preparati dagli stessi allievi, essi eprimevano appieno l’atmosfera di dignità che vi regnava; talvolta su di una parete veniva posto uno scrigno, simbolo che il dojo era dedicato ai più alti valori e alle virtù del Do, non soltanto all’esercizio fisico. In altri dojo si trovavano gli altari detti kamiza (sede degli Dei), riferiti non a divinità ma al ricordo di un grande maestro defunto. Il dojo rappresenta un luogo di meditazione, concentrazione, apprendimento, amicizia e rispetto, è il simbolo della Via dell’arte marziale.

In Occidente questo termine viene impropriamente tradotto in palestra ed inteso unicamente come spazio per l’allenamento, mentre nella cultura orientale il dojo è il luogo nel quale si può raggiungere, seguendo la Via, la perfetta unità tra zen (mente) e ken (corpo) e, quindi, il perfetto equilibrio psicofisico, massima realizzazione della propria individualità. Il dojo è la scuola del sensei (maestro): egli ne rappresenta il vertice e sue sono le direttive e le norme di buon andamento della stessa; oltre al maestro ci sono altri insegnanti, suoi allievi, ed i senpai (allievi anziani di grado) che svolgono un importante ruolo: il loro comportamento quotidiano rappresenta l’esempio che deve guidare gli altri praticanti; quando un sempai non si cura del proprio comportamento diventa un danno per tutta la scuola.

Nessun allievo avanzato prende dal dojo più di quanto esso non dia a sua volta: il dojo non è semplice spazio ma anche immagine di un atteggiamento, i dojo della Via si differenziano in questo aspetto dai normali spazi sportivi: l’esercizio fisico può anche essere il medesimo ma è la ricerca del giusto atteggiamento che consente di progredire. L’allievo entra nel dojo e deve lasciare alle spalle tutti i problemi della quotidianità, purificarsi la mente e concentrarsi sull’allenamento per superare i propri limiti e le proprie insiscurezze, in un costante confronto con sé stesso.

Il dojo è come una piccola società, con regole ben precise che devono essere rispettate. Quando gli allievi indossano il keikogi diventano tutti uguali; la loro condizione sociale o professionale viene lasciata negli spogliatoi, per il maestro essi sono tutti sullo stesso piano. Si apprende con le tecniche una serie di norme, che vanno dalla cura della persona e del keikogi (che mostra solo l’emblema della scuola), al fatto di non urlare, non sporcare, non fumare, non portare orecchini od altri abbellimenti (per evitare di ferirsi o di ferire), al fatto di comportarsi educatamente sino all’acquisizione dell’etica dell’arte marziale che discende da quella arcaico-feudale dei samurai: il Bushido o Via del guerriero.

Il coraggio, la gentilezza, il reciproco aiuto, il rispetto di se stessi e degli altri sono dettami che entrano a far parte del bagaglio culturale dell’allievo. Nel dojo non si usa la violenza: non per nulla le arti marziali enfatizzano la forza mentale e non quella fisica, condannata prima o poi ad affievolirsi.

Si entra e si esce dal dojo inchinandosi: un segno di rispetto verso l’arte del ringraziamento per tutto ciò che di valido essa ha offerto. Anticamente nel dojo veniva eseguito il rito del soji (pulizia): gli allievi, usando scope e strofinacci, pulivano l’ambiente, lasciandolo in ordine per i successivi allenamenti. Tale gesto è il simbolo della purificazione del corpo e della mente: i praticanti si preparano ad affrontare il mondo esterno con umiltà, dote necessaria per apprendere e per insegnare l’arte marziale. (fonte: Wikipedia)

Bambini e Arti Marziali

FACCIAMO UNA BUONA AZIONE! NON CI COSTA NIENTE E POSSIAMO FARE DEL BENE. Allora… FACCIAMOLO!

…che lo sport faccia bene ai bambini (lo dice anche il buon senso) lo si sapeva. Questa ricerca lo dimostra scientificamente. Soprattutto gli effetti su:

  • – rendimento scolastico e propensione allo studio
  • – ossigenazione del cervello
  • – riduzione dello stress
  • – attivazione di nuovi neuroni (azione positiva per la crescita dell’intero Sistema Nervoso Centrale = migliore capacità di concentrazione, fluidità del pensiero, intelligenza corporea, sociale ed emotiva)

Il documento di sintesi nel quale troviamo questi dati è il seguente (immagine formato jpg, è sufficiente cliccarvi sopra per chi desidera stamparlo e divulgarlo):

bambini e sport - arti marziali per bambini

I bambini di oggi sono chiusi nelle loro camere o nelle scuole, attaccati alla tv e alle playstation, ipo-cinetici, stressati.

Alcune discipline tipiche (calcio, nuoto, volley etc), appena vedono qualcuno che spicca, finiscono nel vederli solo come moneta da rivendere appena cresciuti, e non si curano di loro veramente, scartando e mettendo da parte chi non regge il ritmo. E alla fine bruciano il bambino anzichè farlo crescere.
Credo personalmente, e la scienza oggi lo dimostra, che discipline marziali (anche combat con supervisione di pedagogisti) possano dare loro davvero qualcosa di più per crescere sani. Non solo nel corpo ma anche nella mente.

Le discipline marziali sono in grado di generare doti di coordinamento psicomotorio di altissimo livello. Lavorano inoltre sui valori, sulla comprensione di sè e degli altri, sulla relazione, sul rispetto. Questo le rende speciali.

Qualsiasi disciplina, senza distinzione, va bene, purchè condotta da Maestri e Istruttori responsabili che vogliano veramente coltivare il Potenziale Umano dei bambini e non solo forgiare campioni e scartare gli altri.

Se noi esistiamo c’è un motivo. E se questo si realizza nell’aiutare gli altri, e prima di tutto i bambini, abbiamo trovato una delle cause più nobili per cui lottare. Si dimostra di essere dei Fighter soprattutto lottando per delle cause giuste.
Direi che sarebbe bene appendere il volantino in ogni palestra italiana. Cosa ne dite?

Un saluto

dott Daniele Trevisani,

Nota sull’autore. Daniele Trevisani è Master of Arts University of Florida, Esperto in Potenziale Umano e Coaching, Direttore dell’omonimo Studio di Formazione Human Potential & Communication Research. E’ autore del volume Il Potenziale Umano, edito da Franco Angeli. In campo sportivo è diplomato FIF, Sensei 8° Dan Sistema Daoshi, Coach esperto in Bioenergetica e Training Mentale per agonisti internazionali in arti marziali e combat. Sui temi della formazione, del coaching e del potenziale umano è inoltre consulente e formatore di organismi internazionali quali NATO e ONU.

ps… mi sembra doveroso citare questo documento, affinchè tutti lo possano divulgare

  • Fonte: UNESCO, Service des Loisirs, Geneve, 1992.Diritti dei Bambini nello sport
    1 Diritto di divertirsi e di giocare come un bambino
    2 Diritto di fare lo sport
    3 Diritto di beneficiare di un ambiente sano
    4 Diritto di essere trattato con dignità
    5 Diritto di essere allenato e circondato da persone qualificate
    6 Diritto di segire allenamenti adeguati ai propri ritmi
    7 Diritto di misurarsi con giovani che abbiano la stessa probabilità di successo
    8 Diritto di partecipare a gare adeguate
    9 Diritto di praticare il suo sport nella massima sicurezza
    10 Diritto di avere tempi di riposo
    11 Diritto di non essere un campione

Arti Marziali e Combat Sports per la salute fisica e mentale

articolo a cura di Nicola Ferrari, Campione Italiano di Kickboxing Low-Kick-Light Iaksa 2011, Red Belt Sistema Daoshi

_________________

La comunità medica è ormai concorde nel considerare lo stress costante e acuto una delle principali cause di malattie.

come sostenere,quindi, il sempre più stressante stile di vita della moderna società?

Per cercare la miglior risposta a questo quesito ci dobbiamo spostare in oriente,dove affondano le radici delle arti marziali,dei profondi ed antichi valori morali e una concezione dello stile di vita, così  profondamente diversa dalla nostra troppo influenzata dal consumismo e da una moralità sempre più corrotta da falsi valori, venali e materialisti.

Le arti marziali e gli sport da combattimento, infatti, hanno come obiettivo fondamentale il continuo miglioramento dello stato fisico e mentale permettendo così il raggiungimento di un duraturo stato di “benessere”sia fisico che psicologico (oltre alla necessità di autodifesa),almeno questo è quanto gli antichi maestri professavano e quanto viene tramandato di generazione in generazione. È interessante notare come tale obiettivo coincida con la moderna definizione di“salute”, cioè, “uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o infermità“. data dall’OMS, organizzazione mondiale della sanità.

A questo punto È inoppugnabile che i praticanti di arti marziali e sport di combattimento abbiano uno scopo assolutamente degno di essere perseguito e ogni individuo possa essere praticante di arti marziali, vista  l’inesistente necessità di prerequisiti.

Vediamo nel dettaglio alcuni dei benefici che ci permettono di sostenere questa tesi.

-benefici fisici ormai provati da molteplici studi scientifici:

le arti marziali e gli sport da combattimento si possono classificare come attività aerobica quindi la pratica costante comporta una serie di positive modifiche al nostro corpo, le più importanti sono:

  1. modifiche biochimiche dei tessuti cellulari,permettendo cosi,l’aumento dell’apporto di ossigeno nei mitocondri (parte della cellula che produce energia) e il conseguente aumento del consumo di carboidrati (i grassi vengono trasformati in carboidrati nel nostro organismo quindi con carboidrati si prendono in considerazione anch’essi) queste modifiche in pratica fanno si che si formino più difficilmente “accumuli di grasso”
  2. modifiche al sistema cardiocircolatorio con conseguente aumento di resistenza e efficienza del cuore e relativo apparato. Questo è sinonimo di prevenzione di malattie cardiovascolari
  3.  Aumento dell’efficienza ventilatoria e Aumento dei volumi polmonari risolvendosi così problemi come ad esempio asma o riniti
  4.  in oltre con la pratica delle arti marziali si ha un aumento della flessibilità e agilità  delle articolazioni. Questo fa si che ne venga preservata l’efficienza sino in età avanzata.

Alcuni benefici psicologici sono:

  1. l’aumento della sicurezza di sé: affrontare molteplici persone di ogni tipo di corporatura aumenta la sicurezza di sé togliendo molte paure. Questo consente di rimanere calmi permettendo la valutazione della situazione in modo più chiaro e   obiettivo permettendo così il raggiungimento di obiettivi che non ci si sarebbe mai aspettato di raggiungere.
  2. si è notata una diminuzione del livello di ostilità, aggressività e ansia in concomitanza con  l’aumento dell’esperienza del praticante di arti marziali.

Tutto questo è sinonimo di grande miglioramento della qualità di vità e significativa riduzione dell’impatto che lo stress esercita sulla nostra salute,permettendoci così di vivere una vita degna di essere vissuta, nonostante tutti gli ostacoli e le situazioni che ci si trova costretti ad affrontare.

__________________

Bibliografia:

  • Dr. Chiara Biondani, L’ATTIVITA’ FISICA:TRA TERAPIA E PREVENZIONE – ISTRUZIONI PER L’USO
  • Gabriele Borello,5 benefici delle arti marziali,  pubblicato in QNM, 11/01/2011
  • Associazione per la Ricerca sulla Depressione ,Dallo stress alla malattia , di S. Di Salvo, S. Cavalitto e G. Cicuto

Artur Kyshenko e il volume "Regie di Cambiamento" di Daniele Trevisani, tradotto in Russo

In occasione del Grand Gala di Kickboxing e Thai Boxe ThaiBoxing Mania organizzato dal Maestro Carlo Barbuto, ho avuto l’onore di allenare nel Training Mentale gli atleti del Team Barbuto nei giorni precedenti il match. Nell’occasione, ho dato in omaggio al grande campione Ucraino Artur Kyshenko il mio volume “Regie di Cambiamento” (nel link, in versione Italiana), nella specifica versione tradotta in Russo. Artur ha decisamente apprezzato lo sforzo di traduzione nella sua lingua originale e spero, come nella filosofia del Daoshi (la Via della Conoscenza) che la lettura gli offra altri spunti per la sua ulteriore crescita personale e sportiva.

Artur Kyshenko e il volume “Regie di Cambiamento” di Daniele Trevisani, tradotto in Russo

In occasione del Grand Gala di Kickboxing e Thai Boxe ThaiBoxing Mania organizzato dal Maestro Carlo Barbuto, ho avuto l’onore di allenare nel Training Mentale gli atleti del Team Barbuto nei giorni precedenti il match. Nell’occasione, ho dato in omaggio al grande campione Ucraino Artur Kyshenko il mio volume “Regie di Cambiamento” (nel link, in versione Italiana), nella specifica versione tradotta in Russo. Artur ha decisamente apprezzato lo sforzo di traduzione nella sua lingua originale e spero, come nella filosofia del Daoshi (la Via della Conoscenza) che la lettura gli offra altri spunti per la sua ulteriore crescita personale e sportiva.

Messaggio per gli allievi Daoshi in occasione della visita-allenamento di Haida per Oktagon

di: Dott. Daniele Trevisani, www.studiotrevisani.itwww.daoshi.it

Mustapha Haida in preparazione per Oktagon presso dott. Daniele Trevisani - Daoshi

…ieri pomeriggio (sabato) ho tenuto un allenamento di Training Mentale Dinamico e Training Mentale Alfagenico come contributo alla preparazione di Mustapha Haida per i prossimo Oktagon, venuto da Firenze con una persona speciale, il suo allenatore Dimitri Semir Monini, mentre il Maestro Alfonso De Vito riproponeva attentamente il lavoro su nostri atleti del Daoshi. Posso solo dire una cosa: LA SODDISFAZIONE DI INSEGNARE A CHI E’ MOTIVATO AD APPRENDERE. Non ci sono gratificazioni migliori.

Se tutti i nostri allievi impareranno ad avere VOGLIA DI APPRENDERE ED ESSERE CONTINUATIVI E COSTANTI NEGLI ALLENAMENTI, diventeranno migliori come atleti ma soprattutto coltiveranno il loro POTENZIALE UMANO, che gli servirà BEN OLTRE LE 4 MURA DEL DOJO!

Campioni o non campioni non importa… la genetica ha fatto il suo lavoro ma ora, è il nostro momento, ora, tocca a noi. Nel momento in cui “tocca a noi” dobbiamo cogliere questo dono.

La genetica ci ha dato certo bagaglio di partenza (che non è stato deciso da noi), e NOI siamo protagonisti della differenza tra l’eredità genetica e quello che riusciremo a diventare.

STA IN NOI FARLO! SIATE COSTANTI E SEGUITE I VOSTRI MAESTRI IN QUESTO VIAGGIO DI SCOPERTA DEL VOSTRO POTENZIALE PERSONALE!

Credeteci amici, credeteci ragazzi… costanza e volontà possono più della genetica.

dott. Daniele Trevisani, Sensei.