La scacchiera della comunicazione. Mosse di invasione e mosse di rispetto dei territori psicologici

Anteprima dal libro in costruzione. Copyright Daniele Trevisani http://www.studiotrevisani.it http://www.danieletrevisani.it http://www.danieletrevisani.com

Una qualsiasi delle nostre affermazioni o risposte può assumere il valore di “mossa relazionale” se in qualche modo va ad alterare lo scacchiere delle forze in corso tra due persone.

Una mossa di invasione dei territori psicologici è l’uso dell’imperativo, anche se usato in tono pacato es. “fammi questa fotocopia”, il solo affermarlo rende subito la comunicazione di tipo top-down, da superiore ad inferiore, e non è assolutamente detto che funzioni se l’altro non si percepisce tale, anche solo dal punto di vista gerarchico, nell’organizzazione, o nella famiglia.

Una mossa di rispetto dei territori psicologici è invece “se puoi, mentre vai a fare le fotocopie, potresti fare anche questa per me? A buon rendere ovviamente!”, tale mossa, oltre che essere più “leggera” si pone come comunicazione da pari a pari. E non è detto che questo vada bene, se invece la comunicazione deve essere da capo a subordinato.

L’essenziale è capire il valore relazionale e strategico che una mossa comunicativa porta con sé.

Quando B faccia mosse di invasione o appropriazione impropria dello spazio di A, possono accadere sistemi di reazione basati sulla fuga e allontanamento, ma anche di contro-attacco e di aggressione. Le mosse possono essere azioni, atti, messaggi espliciti o impliciti, palesi o semplicemente lasciati intendere.

Un esempio è quello di un cameriere che dia ordini ad un capo-sala, scavalcandone in questo modo il ruolo, e questo è ancora più grave, come ci farebbe notare Goffman, se questo atto avviene in presenza di altri, in pubblico, davanti ad altri membri dello staff.

Un altro esempio è quello in cui in famiglia uno solo dei membri della coppia, il marito o la moglie, si senta all’altezza di sapere quale educazione impartire ai propri figli, e ne escluda di fatto l’altro, deprivandolo di ogni ruolo o potere o voce in merito. Rubare un pezzetto di territorio psicologico altrui si può fare in molti modi, sia forti, evidenti, espliciti, che molto impliciti e subdoli.

L’invasione dei territori psicologici consiste appunto nel percepire un ingresso indebito nella sfera dei propri interessi senza che questo ingresso sia voluto né gradito. Ma anche la mancata consultazione su una materia di nostra pertinenza, quando dovuta, è una forma di non rispetto del territorio psicologico.

 

Esempio. Parlarsi chiaro vuol dire anche far valere dei confini, se questo è eticamente buono e giusto. Ad esempio il direttore del Personale, potrebbe dire al Direttore di Stabilimento

Hai fatto una mail a tutto il personale dicendo dove si può parcheggiare e chi parcheggia dove, senza consultarmi. Pensavo fosse chiaro ma capisco che non lo è. Ogni attività che riguarda le persone in quest’azienda deve passare da questo ufficio, anche e soprattutto i parcheggi privilegiati per i clienti e quelli per il personale. Altrimenti il Direttore del Personale saresti tu, non io. È chiaro? Tu devi far funzionare lo stabilimento e la produzione, non decidere dove parcheggiano i clienti o i fornitori, chiaro?” Non è un fatto personale, è per la chiarezza dei ruoli e zone di responsabilità, cui tengo particolarmente, e per altri evitare futuri malintesi.

 

Principio 2 – Rispetto dei territori psicologici altrui e difesa dei propri

La comunicazione efficace richiede:

  • comprensione di quali siano i territori psicologici altrui;

  • comprensione di quali territori psicologici siano determinati dalla cultura di appartenenza della controparte (etnica, religiosa, professionale);

  • atteggiamenti iniziali di rispetto e limitazione degli ingressi nei territori altrui ove non si siano creati gli spazi di relazione adeguati;

  • difesa attiva dei propri territori psicologici e dei propri confini e margini di decisionalità, quando il non farlo minacci la sovranità del proprio spazio psicologico.

 

Anteprima dal libro in costruzione. Copyright Daniele Trevisani http://www.studiotrevisani.it http://www.danieletrevisani.it http://www.danieletrevisani.com

__________

Per ricevere l’invito alla presentazione del libro, quando disponibile, e il pdf ebook gratuito riservato agli iscritti, è possibile iscriversi al blog

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

 

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...