Autorealizzazione. Da Maslow ad oggi, riflessioni brevi su un concetto ampio

free-flower-desktop-wallpaper-12337-276x172cute-baby-face-desktop-wallpaper-276x172DSC_0053

Dalla fogna in su, dalla fogna in giu. Dallo spiccare il volo, all’uscire dalla cloaca.

Il Concetto di autorealizzazione sta cambiando. Negli anni 50 riguardava la ricerca del proprio pieno potenziale partendo da una situazione di “normalità” dove te la potevi giocare, e se ti impegnavi ogni cosa era possibile. Oggi è diventata riuscire almeno a vivere e sopravvivere. Riuscire a tirare fuori la testa dalla fogna e potere almeno vedere una luce, e non, come in passato, spiccare un salto dalla strada al cielo. Triste no? Ma non finisce qui. Non può finire qui. E qui non finirà.

In corsa verso il lavoro, in corsa scappando dal lavoro, in cerca disperata di lavoro, in stati di apatia da mancanza di lavoro, in stress da iperlavoro. Non esiste più il concetto di equilibrio. O si lavora 10-12-14 ore al giorno, o si è quasi disoccupati. Parlo degli artigiani e delle partite iva. Parlo di chi la crisi la vive.

Altri a distanza di pochi metri non conoscono nemmeno il senso della parola Crisi. Non la vivono, lo stipendio arriva ogni mese, paga lo Stato, ma si dimentica che lo Stato prende ogni Euro che paga dalle attività produttive, inclusi gli euro che formano una partita di giro (le tasse sugli stipendi pubblici, soldi che entrano da una parte ed entrano dall’altra). In Grecia anche i dipendenti pubblici hanno avuto a che fare con la Crisi e hanno capito che la Crisi butta in strada anche loro.

Per cui, l’autorealizzazione vista come “IL POSTO FISSO” è una pura illusione. Nessun posto è fisso. L’unica certezza è quello che sai e sai fare, quello nessuno te lo può togliere. Il resto si. Su quale dei due lati ci concentriamo? Tutto è studiato per farti paura e tenerti zitto, farti tacere, non farti parlare. Tutto deve essere appiattito come nei regimi comunisti e nazisti, vietato emergere, vietato essere. Vietato vivere.

Scatta quindi l’ansia. In ansia per l’Agenzia delle Entrate che ti chiede di giustificarti per come fai a sopravvivere se hai la partita iva, trattando chi lavora da una vita come il peggiore dei disonesti. Alcuni non reggono, chiudono, altri – i più deboli – si suicidano. Suicidio di Stato, un reato grave se realizziamo che non esiste alcuna forma di empatia per chi è in crisi e prova a risollevarsi, e più è in crisi più gli viene chiesto di dare ancora ed ancora fino ad annullarsi. Altri, i più giovani, in cerca di fuga all’estero, alla ricerca del mito, in volo con una laurea o tanta voglia di essere, di esprimersi, in un paese più accogliente, e se sei un giovane pieno di voglia e di ideali, sarebbe bello poterlo fare nel tuo paese. Altri che lavorano già, in attesa disperata della pensione per poter smettere di obbedire ad ordini, a leader insediati da una politica che non capiscono, stanche di vivere in istituzioni piene di parole sensa senso, stanchi di vivere in un Ente Pubblico se cerchi meritocrazia.

Non riesci più a fidarti del tuo Stato e del tuo Paese, e se guardi fuori è peggio. Appena accendi il telegiornale, impaurito dal terrorismo islamico, capisci che questo non si fermerà, diventa paura di transitare in una stazione, paura di salire in autobus o in treno, di salire in aereo, di essere derubato da un Rom, e questo diventa paura del futuro se hai un bambino o dei figli, la paura che esca di casa e qualche immigrato impazzito dalla differenza tra le aspettative e la realtà che trova, gli tagli la gola, o qualche giovane ubriaco e fatto di droghe sintetiche lo stenda senza neanche accorgersene. Potrei continuare per pagine e pagine a descrivere la situazione contemporanea dell’adulto.

Credo che l’autorealizzazione vera sia cercare di esprimere se stessi nonostante tutto questo,  vivere momenti di gioia nonostante tutto questo, andare avanti nella ricerca di un contributo all’umanità nonostante tutto questo. Non parlo di nascondersi dalla verità e dalla realtà. Parlo di guardarla in faccia come si guarda in faccia un avversario sul ring. E stare sul ring senza paura.

Cercare lo stato di flusso o flow nonostante tutto questo scenario di rabbia e di ansia è assolutamente eroico. E’ eroico alzarsi e lottare per ciò in cui si crede anzichè lasciarsi avviluppare dalla paura.

Essere se stessi oggi significa non arrendersi all’apatia e alla paura.

In “Verso una psicologia dell’essere” Maslow (1968, p. 105) ci descrive il concetto di Flusso: “…un episodio o un’improvvisa ondata, in cui tutte le potenzialità di una persona scorrono insieme in modo particolare, orientato all’obiettivo ed intensamente gratificante, nel quale la persona è più integrata e meno scissa, più aperta all’esperienza, maggiormente mossa dalla sua specifica natura o disposizione, più spontanea ed espressiva, più pienamente funzionante, più creativa, umoristica, ego-trascendente, meno dipendente dai suoi istinti più bassi, ecc. In questi momenti l’individuo diventa più pienamente se stesso, più forte nella realizzazione delle sue capacità, più vicino all’essenza del suo essere, più pienamente umano…

Un augurio sincero perchè ognuno di noi possa vivere la vita, possa lottare per i propri valori e ideali sul ring della vita vissuta, con forza e coraggio, sempre.

Daniele Trevisani, Formatore, Scrittore, Ricercatore sul Fattore Umano, Mentor http://www.danieletrevisani.com

2 comments

  1. Condivido a pieno tutta la analisi del Dr Trevisani e mi permetto fare alcune osservazioni molto brevi. Effettivamente è diventato molto più impegnativo raggiungere la propria realizzazione. Siamo in un periodo di crisi economica causato secondo me dalla lenta decadenza dell’Europa Occidentale che ha commesso il grave errore di ampliarsi troppo. Contemporaneamente sono venuta alla ribalta, grazie all’organizzazione interna, tante nuove nazioni popolose e non che ci hanno sottratto fortuna e benessere.
    Per restare a galla dobbiamo aguzzare l’ingegno, dobbiamo essere più preparati, Dobbiamo organizzarci ancora meglio, ancora più di prima, altrimenti ci “mangiano”.
    Stiamo vivendo momenti terribili. Non siamo più sicuri di tornare a casa se andiamo in vacanza. Ci sono pazzi isolati, anche bene istruiti, che sparano sulle folle senza problemi. Sfogano la loro rabbia, le proprie frustrazioni, la propria infelicità colpendo persone innocenti. Il capro espiatorio è la società nel suo insieme. Persino un pilota della Lufthansa si sfracella col suo aereo e il suo carico umano contro la montagna! Assurdo? No, è la realtà dei fatti.
    La gente comune, soprattutto se un po’ istruita, non tollera più le proprie naturali frustrazioni e attribuisce la colpa delle proprie inadeguatezze interiori, della propria infelicità, della netta prevalenza delle proprie emozioni negative su quelle positive, alla società nel suo insieme, e soprattutto alle classi benestanti che vanno in vacanza: se la prendono con le persone apparentemente felici.
    Quando queste teste calde e preparate riescono a mettersi insieme e ad organizzarsi bene, possono formare persino un esercito… e seminare distruzione e morte…
    Ho la sensazione che le Nazioni siano guidate da uomini senza palle, comprese le grandi organizzazioni mondiali, anzi soprattutto quelle. Un’apatia totale. Inerzia assoluta.
    Hanno tutti abbandonato il timone e le navi e gli aerei si sfracellano contro le rocce guidati da pazzi o esaltati che dovevano essere controllati e fermati prima. Lasciano liberi di circolare nelle città gente schedata e poi si meravigliano dell’omicidio efferato di Lione. Le autorità politiche, dopo aver svuotato di ogni potere le forze di sicurezza, per salvare la reputazione parlano di fanatismo islamico che secondo me c’entra ben poco: ha soltanto fornito le armi. Non c’è più rigore e responsabilità né in famiglia, né nelle istituzioni. Non c’è selezione rigorosa del personale. Siamo allo sbando e in queste condizioni le teste pazze hanno piena libertà. Siamo caduti nel ridicolo. Nessuno si rende conto che il troppo uccide. Accogliere centinaia di migliaia di profughi in nome della pseudo-solidarietà italiana è sbagliato, perché più ne accogli, più ne arrivano altri… E dove andiamo a finire?
    Sono andato ben oltre l’idea iniziale e mi scuso, caro dottore, e riprendendo la sua domanda iniziale sulla propria auto-realizzazione, sono del parere che la vita dei singoli, della società e delle stesse nazioni dipende unicamente dalla organizzazione. Il declino dell’Europa Occidentale (e degli USA) è stato causato, secondo me, dall’allentamento del rigore nell’organizzazione che ha favorito l’emergere di altre nazioni che hanno saputo organizzarsi molto bene.
    Anche il singolo, per non trovarsi in brutte acque, deve organizzarsi bene, deve essere molto preparato e molto impegnato. L’improvvisazione e la raccomandazione in momenti di crisi economica e sociale come quelli che stiamo vivendo, sono valori perdenti. Cordiali saluti.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s